Milano, città industriale: gli abitanti di Cusano Milanino ricordano. Parte seconda


0
Share

Continuano le testimonianze dei protagonisti, tratte dalla mostra Quand fischiava el fabricon. Tra le foto dell’epoca e le videointerviste, l’Archivio Storico Cusano Milanino, su incarico della Cooperativa Edificatrice, ha ricostruito gli anni della Milano industriale. Storie preziose, da non dimenticare, che qui trovate raccolte in esclusiva.

Torna alla prima parte

 

Laura Colombo: Arti Grafiche Colombo

«Siamo partiti a lavorare con i caratteri in piombo e siamo arrivati alla fotocomposizione e alla digitalizzazione. Ci conoscevamo tutti, c’erano tanti apprendisti desiderosi di imparare. In questi anni abbiamo perso tantissimo il concetto di lavoro come capacità di espressione di un’arte»

 

Dario Gaiani: Zinc Italia

«Noi ci occupavamo di zincatura, poi c’era la palazzina degli uffici, dove viveva il titolare. Sono entrato in azienda nel 1959, quando si è trasferita a Cusano Milanino da Bruzzano, e sono uscito quando ha chiuso nel 1981…»

 

Luciano Terzi: Vender Allis Chalmers Fiat Allis

«La produzione si basava esclusivamente su “macchine movimento terra”. L’ingegner Vender lottò con tutte le sue forze per poter continuare questa attività…»

 

Luigi Pulga e Bruno Oriani: Gerli Industria Rayon

«C’era una disciplina quasi militare ma il dopolavoro aveva persino il “cinematografo” per tutti i cittadini. Le operaie arrivavano anche da lontano e vivevano in un convitto. L’intenzione del proprietario era quella di cambiare e migliorare la produzione…»

 

Torna alla prima parte

 

Clicca sulla mappa per ingrandire e scoprire dove erano localizzate le fabbriche di Cusano Milanino:

 

 

Share

Tags: , , , , , , ,




Licenza Creative Commons
PerMilano è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale

Back to Top ↑